Tortour Mallorca - Il racconto

Il Tortour di Maiorca 2014 (TTM) è una gara di ultracycling che si è disputata su un percorso di 510 KM. con 5600 metri di dislivello positivo appunto nell’isola di Maiorca svolta il 22 Ottobre.
Il mio TTM inizia già da fine Agosto dopo il recupero completo della Race Acorss Italy, approfittando di tutta la preparazione da inizio anno abbiamo deciso con il mio preparatore Massimo Bechis insieme al team Repartosport-Leecoguan di affrontare ancora una gara prima di chiudere una stagione sopra ogni aspettativa con la vittoria alla RAI e proprio per questo motivo senza volere e dovere dimostrare niente a noi e poi agli altri ma solo ed esclusivamente per fare esperienza si decide per l’ultima gara del calendario Europeo di ultracycling, da qui due mesi di preparazione mirata nuovamente eseguita in modo estremamente precisa e maniacale.

marcelloluca tortour mallorca

Portato a termine tutti i preparativi decisamente impegnativi dal momento che si era deciso di gareggiare all’estero arriva il giorno della partenza il 20 Ottobre in Aereo da Bergamo a Palma di Maiorca, siamo di nuovo noi… il team della RAI… io, Massimo Bechis, Alessandro Ardu e Christian Terrazzano, non appena arrivati sull’isola ci preoccupiamo subito di alloggiare in albergo per dare la possibilità ad Alessandro e Christian di preparare le due bici (BASSO) che avevo con me… si proprio due perché questa volta avevamo anche la bici da cronometro, nel frattempo io e Massimo partecipiamo al ritiro del pacco gara e al brefing pre-gara.
Il giorno 21 è dedicato al prologo che darà poi l’ordine di partenza per il TTM, il prologo lo facciamo su un velodromo dove si dovevano fare due giri di cui uno lanciato e uno dove si doveva fare il miglior tempo e nonostante non avessi mai girato prima su un velodromo e i forti avversari con la bici da cronometro riesco a fare il secondo tempo di categoria, felicissimi del risultato torniamo in albergo per riposare e prepararci mentalmente alla partenza del giorno seguente.
Il 23 alle ore 5:01 alla partenza nonostante si diceva che non dovevo dimostrare niente a nessuno nel mio inconscio sapevo che dopo la vittoria alla RAI meno di 3 mesi prima dovevo comunque partire per fare bene e non solo per finire la corsa.
Parto appunto in seconda posizione di categoria con la bici da cronometro per affrontare la prima Time Station (TS) di circa 60 km. dove in meno di 10 km. raggiungo il primo atleta partito 30 secondi prima lo svizzero Tobias Urschler che però non mi molla per uno solo km. fino all’inizio della terza TS dove iniziano le salite e dove faccio il cambio bici, Tobias con un fisico più adatto di me alla pianura riesce comunque a tenere molto bene anche sulle salite dove provando a giocare di tattica cercava di mettermi in difficoltà di testa standomi sempre dietro a 50 metri ma mai superandomi facendosi sentire ad ogni tornante… provo cmq in questo frattempo a metterlo in difficoltà provando un attacco per circa 40/50 secondi quando mi rialzo e mi giro lui non c’era e li avevo capito che forse giocava di tattica ma solo perché si era reso conto che non poteva andare via.
Superati quasi i 200 km. di lotta arriviamo sulla salita di Valdemossa 6/7 km. non durissima con pendenze intorno al 7/8 % proprio in questa salita Massimo mi suggerisce l’attacco a Tobias, parto per 10 minuti a “tutta” e quando mi giro lui non c’era proprio più, arrivo alla TS successiva con un vantaggio di circa 10 minuti da lì nuovamente cambio bici risalendo sulla crono per affrontare due TS completamente piatte e qui raggiungo e supero Mario Bergmayer un atleta della categoria senza supporto che mi aveva superato durante la lotta con Tobias, poco dopo a circa 250/300 KM. dalla conclusione raggiungo anche Rafael Wyss altro alletta fortissimo della categoria senza supporto che anche lui mi aveva superato durante la lotta con Tobias, qui inizia una nuova e durissima battaglia che dura fino all’arrivo ma nonostante eravamo primi di categoria non mi andava di lasciar andare via Rafael… lui non molla assolutamente e alla fine ne avrà la meglio ma noi avevamo comunque vinto il nostro TTM nella nostra categoria.
Questa gara ci ha messi davvero alla prova a me e al team dettato dalle regole di gara decisamente rigide ma soprattutto me per il livello molto alto dei miei diretti avversari che non mi hanno dato tregua per tutti i 510 KM. finiti in 17 ore e 30 minuti a circa 30 KM/H. di media ma proprio per questi motivi è stata una vittoria ancora più soddisfacente facendoci capire che potevamo già dal primo anno competere a livello internazionale.

Questa seconda vittoria è dedicata di nuovo alla mia famiglia per la pazienza che avevano avuto per un intera stagione, per quando passavo domeniche intere a pedalare invece di stare con loro, al team Repartosport-Leecougan che nonostante fine stagione mi avevano procurato anche la bici da cronometro mettendomi in condizioni perfette per poter competere con alcuni dei migliori ultracycler d’Europa e naturalmente al team di supporto gara Massimo Bechis Alessandro Ardu e Christin Terrazzano che mi hanno seguito per questa seconda e magica avventura stagionale.

marcelloluca tortour mallorca 2

GUARDA LA FOTOGALLERY COMPLETA